#LanServiceON #5 La VDI che fa ripartire le aziende

Che cos’è la VDI (l’infrastruttura desktop virtuale) come funziona e perché oggi sta salvando la ripartenza delle imprese

La VDI (l’infrastruttura desktop virtuale) indica l’utilizzo di macchine virtuali per fornire e gestire i desktop virtuali. L’infrastruttura VDI ospita gli ambienti desktop su un server centralizzato e li distribuisce agli utenti finali su richiesta.
Tradotto in parole ancora più semplici stiamo parlando della piattaforma tecnologia che nella fase più acuta della pandemia ha permesso alle aziende di dare continuità di lavoro ai propri dipendenti anche da remoto e che, ora, sta permettendo alle stesse aziende di ripartire grazie ad una idea molto più matura e utile di spazio di lavoro digitale. Una piattaforma cardine delle imprese, di ogni forma e dimensione, che si apprestano ad affrontare questo 2023 perché proprio dalla buona integrazione di simili strumenti dipende oggi la capacità di una azienda di soddisfare le nuove esigenze dei propri dipendenti, di motivarli e di rendere davvero smart, contemporaneo il loro lavoro.
Come sempre però ci sono molti “ma” e il primo riguarda la sicurezza di simili strumenti.

Ecco perché abbiamo deciso di dedicare la nuova puntata di #LanserviceON, la piattaforma di contenuti di altissimo valore creata dai nostri top specialist proprio alla VDI. #LanserviceON è un ciclo di interviste video e testi multipiattaforma che provano a raccontare come e cosa fare subito per integrare in azienda le soluzioni migliori di cybersecurity, cloud security, VDI, sviluppo applicativo, Data Center, backup, disaster recovery.
Oggi dunque è il turno della VDI e di un nostro giovane talento come Marco Varaia che di mestiere fa il System Engineer .

«La VDI, virtual desktop infrastructure – ci racconta Marco -, è una tecnologia, una soluzione che permette di dare agli utenti il desktop, quindi tutta la loro quotidianità, come un servizio. Infatti, la VDI sta quasi cambiando nome in DaaS che sta per “Desktop as a Service”, questo è un po’ quello che sta succedendo. Succede infatti che un utente, a prescindere dal dispositivo fisico, pc telefono tablet, avrà sempre il suo strumento di lavoro: il suo desktop, le sue applicazioni e la sua posta elettronica da qualsiasi dispositivo in qualsiasi luogo e con qualsiasi tipo di connettività»

#LanServiceON – La VDI che fa ripartire le aziende – Parte 1

VDI (virtuale desktop infrastructure) cos’è e cosa serve

Nella VDI, continua Marco, un hypervisor segmenta i server in macchine virtuali che, a loro volta, ospitano i desktop virtuali a cui gli utenti accedono in remoto dai loro dispositivi. È possibile accedere a questi desktop virtuali da qualsiasi posizione o dispositivo e tutta l’attività di elaborazione viene effettuata sul server host. Gli utenti si connettono alle loro istanze desktop tramite un broker di connessione, ovvero un gateway basato su software che agisce da intermediario tra l’utente e il server.

La VDI può essere persistente o non persistente ed entrambe le tipologie offrono vantaggi diversi:

  • Con la VDI persistente, un utente si connette sempre allo stesso desktop e può personalizzarlo in base alle sue esigenze, poiché le modifiche sono salvate anche quando la connessione viene reimpostata. In altre parole, i desktop in un ambiente VDI persistente si comportano esattamente come un desktop fisico personale.
  • La VDI non persistente è invece l’infrastruttura in cui gli utenti si connettono a desktop generici senza salvataggio delle modifiche. In genere è più semplice e più economica, poiché non è necessario mantenere i desktop personalizzati tra le sessioni. La VDI non persistente viene spesso utilizzata nelle organizzazioni con molti utenti operativi o con dipendenti che eseguono un insieme limitato di attività ripetitive e che non hanno bisogno di un desktop personalizzato.

#LanServiceON – La VDI che fa ripartire le aziende – Parte 2

Perché scegliere la VDI

«La VDI – spiega Marco – assicura diversi vantaggi, come mobility dell’utente, semplicità di accesso, flessibilità e maggiore sicurezza. In passato, i suoi requisiti di prestazioni elevate ne rendevano costoso e complesso il deployment su sistemi legacy, una barriera per molte aziende. Tuttavia, la sempre maggiore adozione dell’infrastruttura iperconvergente (HCI) da parte delle imprese offre una soluzione che fornisce scalabilità e prestazioni elevate a un costo inferiore».

Quali sono i vantaggi della VDI

La VDI offre numerosi vantaggi alle aziende che la utilizzano, come: 

  • Accesso remoto: gli utenti della VDI possono connettersi al loro desktop virtuale da qualsiasi posizione o dispositivo. I dipendenti potranno così accedere facilmente a tutti i loro file e applicazioni e lavorare in remoto da qualsiasi parte del mondo.
  • Risparmi sui costi: poiché l’elaborazione viene effettuata sul server, i requisiti hardware per i dispositivi finali sono molto più bassi. Gli utenti possono accedere ai loro desktop virtuali da dispositivi più vecchi, thin client o perfino tablet, pertanto l’IT avrà meno bisogno di acquistare nuovo hardware costoso.
  • Sicurezza: in un ambiente VDI, i dati risiedono sul server invece che sul dispositivo client dell’utente finale. Ciò consente di proteggere i dati in caso di furto o guasto di un dispositivo endpoint.
  • Gestione centralizzata: il modello centralizzato della VDI consente all’IT di installare patch, aggiornare e configurare senza difficoltà tutti i desktop virtuali in un sistema.

Come viene utilizzata la VDI

Anche se può essere utilizzata in tutti i tipi di ambienti, vi sono diversi casi d’uso specificamente adatti per la VDI, come:

  • Smart working: poiché la VDI semplifica la distribuzione e l’aggiornamento dei desktop virtuali da una posizione centralizzata, sempre più aziende la stanno adottando per gli smart worker.
  • Bring Your Own Device (BYOD): la VDI è una soluzione ideale per gli ambienti che consentono o richiedono ai dipendenti di utilizzare i loro dispositivi. Poiché l’elaborazione avviene su un server centralizzato, la VDI permette l’uso di una più ampia scelta di dispositivi. Inoltre, offre una maggiore sicurezza poiché i dati risiedono sul server e non sul dispositivo client dell’utente finale.
  • Lavoro su turni o attività limitate: la VDI non persistente è particolarmente adatta per organizzazioni come i call center, che hanno molti dipendenti che utilizzano lo stesso software per eseguire attività limitate. 

Come implementare la VDI

Quando pianificano il deployment della VDI, le aziende più grandi devono valutarne l’implementazione in un ambiente HCI, poiché la scalabilità e le prestazioni elevate dell’HCI sono perfette per le esigenze delle risorse della VDI. Di contro, l’implementazione dell’HCI per la VDI è probabilmente non necessaria (e sarebbe eccessivamente costosa) per le organizzazioni che hanno bisogno di meno di 100 desktop virtuali.
Oltre alle considerazioni relative alla struttura, vi sono alcune best practice da seguire per l’implementazione della VDI:

  • Preparare la rete: poiché le prestazioni della VDI sono strettamente collegate a quelle della rete, è importante conoscere le ore di massimo utilizzo e anticipare i picchi di domanda per assicurare che la sua capacità sia sufficiente. 
  • Evitare l’underprovisioning: effettuare il capacity planning in anticipo utilizzando uno strumento di monitoraggio delle prestazioni per capire le risorse utilizzate da ciascun desktop virtuale e avere la certezza di sapere le esigenze complessive di utilizzo delle risorse.
  • Capire le esigenze degli utenti finali: gli utenti devono essere in grado di personalizzare i loro desktop o sono utenti operativi che possono lavorare da un desktop generico? In altre parole, l’organizzazione è più adatta alla configurazione di una VDI persistente o non persistente? Quali sono i requisiti degli utenti relativamente alle prestazioni? È necessario effettuare il provisioning della configurazione in modo diverso per gli utenti che utilizzano applicazioni a uso intensivo di grafica rispetto a quelli che devono semplicemente accedere a Internet oppure a una o due applicazioni semplici. 
  • Eseguire un test pilota: la maggior parte dei provider di soluzioni di virtualizzazione offre strumenti di test che consentono di effettuare un deployment di prova della VDI. Ciò è importante per assicurarsi di aver effettuato correttamente il provisioning delle risorse.

#LanServiceON – La VDI che fa ripartire le aziende – Parte 3

Cosa cercano le aziende nella VDI

«Le imprese – conclude Marco – alla VDI chiedono la sicurezza perché, con i loro utenti che si collegano spesso e volentieri da device di proprietà personale e non dell’azienda, vogliono essere sicure che lo stesso utente abbia un accesso ai dati aziendali funzionale ma senza rischi.
In sostanza la richiesta più frequente è quella di evitare che chi non deve collegarsi si colleghi. Come seconda necessità poi c’è un’alta affidabilità del prodotto perché l’utente deve sempre avere la possibilità di collegarsi ai suoi dati e soprattutto deve poterlo fare con una adeguata certezza di essere continuo, stabile, tranquillo nel suo lavoro».

    Vorresti maggiori informazioni?

    Compila il seguente modulo e verrai ricontattato per rispondere a tutte le tue domande.

    Lan Service srl

    Sede Legale e operativa

    Via G. Brodolini, 80 . 15033 Casale M.to (AL)
    Tel. +39 0142 330 500 . Fax +39 0142 330 600
    P.Iva e C.F. 01562820066
    Iscr. Reg. Imp. AL-01562820066 . Cap. Soc. € 80.645,00

    POLITICA PER LA PROTEZIONE DEI DATI

    In coerenza con la Missione e i Valori aziendali ed in linea con la propria politica, Lan Service Group, nelle sue attività pone in evidenza alcuni principi, in materia di protezione dei dati personali, ai quali le sue strategie e i suoi obiettivi devono far riferimento:

    • Impegno alla protezione dei dati personali di ogni individuo (Protezione);
    • Garanzia del rispetto della sfera personale e della vita privata di ogni persona (Riservatezza);
    • Rispetto dell’identità e della personalità, della dignità di ogni persona (Individualità e Dignità);
    • Rispetto delle libertà fondamentali garantite dalla Costituzione (Tutela). Questi principi, conformandosi alla normativa vigente, sono declinati in modo che i dati personali siano:
    • raccolti e trattati solo per finalità determinate, esplicite e legittime;
    • utilizzati limitatamente e in maniera proporzionale alle finalità per le quali sono trattati;
    • raccolti e trattati solo se attinenti al raggiungimento delle finalità esplicitate;
    • trattati con modalità e strumenti proporzionali alle finalità da raggiungere;
    • sempre verificati, una volta raccolti e trattati, per garantirne la loro correttezza e affidabilità;
    • una volta raccolti e trattati siano periodicamente aggiornati;
    • conservati per un periodo di tempo limitato al raggiungimento delle finalità dichiarate;
    • sempre raccolti e trattati ponendo in essere adeguate misure tecniche ed organizzative di al fine di salvaguardare la loro integrità e riservatezza;
    • trattati per finalità diverse da quelle dichiarate quando si sono raccolti oppure violando quanto previsto dalla disciplina in materia di protezione dei dati personali.

     

    OBIETTIVI

    Miglioramento continuo della Tutela dei dati personali mediante:

    • l’adozione di un adeguato sistema documentale integrato (procedure, istruzioni operative, modelli documentali standard);
    • l’identificazione di delegati dotati di adeguati requisiti e poteri per garantire il corretto funzionamento del sistema di gestione privacy;
    • la definizione di un modello organizzativo adeguato al presidio del trattamento dei dati personali inerenti ad ogni processo di trattamento;
    • l’adozione di pareri di conformità normativa nella definizione, integrazione, modifica e/o revisione di processi aziendali che prevedano un trattamento di dati personali;
    • l’adozione di misure di sicurezza idonee a prevenire e ridurre al minimo i rischi inerenti il trattamento di dati personali;
    • l’adozione delle migliori tecniche disponibili ed economicamente sostenibili per limitare i danni in caso di incidenti o eventi negativi in materia di trattamento di dati personali;
    • l’adozione di opportuni criteri e modalità di ripristino dei dati in caso di danneggiamento e perdita accidentale. Coinvolgimento degli stakeholder e protezione dei dati personali con azioni mirate a:
    • sensibilizzare dipendenti, fornitori, allievi e famiglie su obiettivi e impegni assunti in materia di protezione dei dati personali;
    • motivare e coinvolgere il personale dipendente affinché vengano raggiunti gli obiettivi prefissati e sviluppato, ad ogni livello, il senso di responsabilità verso la tutela dei dati personali e la sicurezza delle informazioni;
    • formare informare ad un lecito e corretto trattamento dei dati personali e sicurezza delle informazioni;
    • promuovere il dialogo e il confronto con tutti i portatori d’interesse (P.A., Autorità , clienti, fornitori, Associazioni, lavoratori, ecc.), tenendo conto delle loro istanze, in materia di trattamento di dati personali, in coerenza con gli strumenti di partecipazione e comunicazione adottati da Lan Service Group .

     

    Aggiornata al 18.12.2019

    Gestione Cookies

    Questo documento spiega “cosa sono i cookie” e come vengono usati si siti web di LANSERVICE S.r.l., ACKTEL S.r.l. e E-EVOLUTION S.r.l. (contitolari del trattamento).

    Cosa sono i cookie?

    Un “cookie” è un file di testo che il sito invia al computer o altro dispositivo connesso a internet per identificare in modo univoco il browser dell´utente o per salvare informazioni o configurazioni nel browser.

    Usate cookie su questo sito?

    Sì, vengono usati cookie per migliorare il sito e fornire servizi e funzionalità ai suoi utilizzatori.

    è possibile limitare o disabilitare l´uso dei cookie tramite il browser web; tuttavia, senza alcuni cookie o tutte le funzionalità del sito potrebbero essere inutilizzabili.

     

    Che tipo di cookie sono presenti su questo sito?

    Cookie strettamente necessari

    Questi cookie sono essenziali per portare a termine attività richieste dall´utente. Per esempio, per memorizzare informazioni fornite dall´utente mentre naviga nel sito o per gestire lo stato di “login” durante la visita.

    Cookie funzionali

    Questi cookie permettono al sito di memorizzare scelte effettuate dall´utente, successivamente riutilizzabili. Per esempio permettono al sito di memorizzare le impostazioni di ricerca, l´autenticazione e altre funzioni personalizzate.

    Cookie di Google Analytics

    Questi cookie permettono di raccogliere dati relativi all´uso del sito, come i contenuti visitati e le funzionalità utilizzate, con l´obbiettivo di migliorare le performance e il layout del sito. Questi cookie possono essere inviati dal fornitore dello strumento di Analytics, ma sono utilizzati solo per scopi legati al sito.

    Cookie pubblicitari e di terze parti

    Questi cookie memorizzano informazioni legate all´uso del sito per fornire informazioni personalizzate a scopo promozionale, sia all´interno che all´esterno del sito. Tali cookie sono disabilitabili dall´apposito banner o dalla sezione apposti del proprio browser .